Giappone

Kyoto in tre giorni.

Cosa vedere nell’antica capitale del Giappone.

Kyoto, antica capitale del Giappone e luogo che trasuda ancora mistero e tradizione. Ma quanto tempo occorre per visitarla? Beh sicuramente dipende molto dai propri interessi personali. Ma in linea di massima io consiglio di trascorrerci almeno tre giorni per visitarla al meglio (anche se a mio avviso meriterebbe restarci anche di più ) . In questo articolo vi voglio consigliare cosa vedere a Kyoto facendo un itinerario di tre giorni.

Personalmente, ho amato questa città fin dal primo istante. A differenza di Tokyo, città moderna e sempre in movimento, Kyoto mi ha dato una sensazione più rilassata e tranquilla, come se il tempo scorresse più lentamente. Non appena arriverete in questa meravigliosa città, infatti, verrete catapultati in un’atmosfera di profonda spiritualità e tradizione. Per i miei personali gusti, era ciò che mi ero sempre immaginata pensando al vero Giappone tradizionale.

Le stradine tradizionali di Kyoto
Le stradine tradizionali di Kyoto

Quando devo organizzare un itinerario a Kyoto, mi è sempre difficile concentrare tutto in pochi giorni, perchè è una città che ha davvero molto da offrire. I luoghi da vedere sono molti e abbastanza dispersivi, quindi è sempre meglio partire con un bel programma da seguire giorno per giorno.

Dove alloggiare e come arrivare a Kyoto.

Partiamo da principio: dove è meglio alloggiare a Kyoto? come ci arrivo?

Kyoto si trova nel centro del Giappone ed è comodamente raggiungibile da qualsiasi zona del Paese. Partendo da Tokyo, è davvero semplicissimo. Vi basterà prendere uno Shinkansen ( treno veloce ) dalla stazione di Tokyo e Shinagawa. Ovviamente conviene avere attivo il Japan Rail Pass, per risparmiare un bel pò di soldi. Se non lo avete ancora ordinato, potete acquistarlo al miglior prezzo qui.

Per quanto riguarda il dove alloggiare, invece, a mio avviso non ci sono zone migliori o peggiori, dipende sempre molto dai gusti personali. In ogni caso la primissima cosa da verificare è che il vostro Hotel / appartamento , sia quanto più possibile vicino alla stazione. In questo modo in circa una ventina di minuti a piedi sarete in centro. Potrete così uscire la sera per un bella passeggiata nel quartiere tradizionale di Gion, mangiare, bere qualcosa e tornare in Hotel a piedi. Vi lascio qui il sito dove io solitamente prenoto i miei viaggi.

Kyoto: Giorno 1

Il tempio dorato Kinkaku-Ji a Kyoto
Il tempio dorato Kinkaku-Ji a Kyoto

Per iniziare l’esplorazione di questa bellissima città vi consiglio di visitare il Kinkaku-Ji, tempio totalmente rivestito in foglia d’oro. Si trova sulle rive di un laghetto, le cui calme acque, nelle giornate di sole, ne riflettono la sua luminosa e dorata figura. Seppur preso molto di mira dai turisti, potrete fare una bella passeggiata all’interno del parco e gustarvi una bella tazza di Matcha con all’interno la foglia d’oro in onore del tempio.

Il tempio Ryoan-ji e i suoi bellissimi giardini
Il tempio Ryoan-ji e i suoi bellissimi giardini

Terminata la visita al Kinkaku-ji, vi consiglio di proseguire a piedi ( o a circa un paio di fermate con il bus) fino al Ryoan-ji (Tempio del Drago Pacifico) . Qui troverete un bellissimo tempio, con incantevoli interni decorati. Ma senza dubbio l’attrazione principale è il giardino Zen, unico nel suo genere. Sprigiona un’ aura di pace e tranquillità, luogo perfetto per sfuggire dalla frenesia della vita di tutti i giorni e per concedersi un momento di meditazione. Degni di nota sono i bellissimi giardini in cui è situato il tempio, curati in ogni piccolissimo dettaglio.

La prossima tappa è senza ombra di dubbio il famoso tempio Kiyomizudera, uno dei più belli e caratteristici della città. L’antico tempio Buddista è diventato patrimonio dell’UNESCO per la sua storia e la sua incredibile bellezza. Sorge all’interno di un incantevole parco arroccato sulla cima di una collina, dalla quale è possibile ammirare il panorama di Kyoto dall’alto. Sicuramente una meta da non perdere se si visita Kyoto, in particolare in primavera e in autunno.

Il bellissimo tempio buddista Kiyomizudera a Kyoto
Il bellissimo tempio buddista Kiyomizudera a Kyoto

Per terminare in bellezza la serata, non c’è niente di meglio di una bella passeggiata per il quartiere tradizionale di Gion, divenuto celebre per essere il “quartiere delle Geisha”.

Le strade tradizionali del quartiere di Gion a Kyoto
Le strade tradizionali del quartiere di Gion a Kyoto

Infatti, sopratutto alla sera, è ancora possibile imbattersi in qualche Geisha o Maiko, che sgattaiolano con passo elegante in qualche casa del Tè, per intrattenere i loro clienti. Questo quartiere è davvero molto bello e caratteristico. Si può respirare l’atmosfera di un tempo, grazie alle sue stradine costeggiate dalle tipiche casette basse in legno che si estendono lungo il canale Shirakawa.

Le strade tradizionali del quartiere di Gion a Kyoto
Le strade tradizionali del quartiere di Gion a Kyoto, frequentate dalle Geisha e dalle Maiko

Qui potete trovare un bellissimo tour che vi porterà alla scoperta della storia e delle tradizioni di questo quartiere.

Kyoto: Giorno 2.

Il Fushimi Inari Taisha a Kyoto
Il Fushimi Inari Taisha a Kyoto

Il secondo giorno a Kyoto, io personalmente, lo inizierei alla grande visitando quello che forse è uno dei più importanti e famosi simboli della città. Il Fushimi Inari Taisha, o anche conosciuto come tempio dai mille portali. Il tempio Shintoista, infatti, posto sulla cima di una collina, è preceduto da migliaia di Torii rossi, che si inerpicano sulla collina. Per la sua grande bellezza e particolarità, è preso letteralmente di mira dai turisti, quindi, sopratutto all’inizio del percorso sarà davvero complicato godersi appieno l’esperienza. Ma credetemi, non tutti riescono ad arrivare sulla cima, quindi andando avanti con il sentiero, pian piano la folla si sarà sicuramente dispersa e riuscirete a fare delle foto mozzafiato.

Kyoto Fushimi Inari
Il Fushimi Inari Taisha a Kyoto

Personalmente, dedicherei metà giornata per visitarlo tutto con calma. Il percorso può essere stancante e in ogni caso, merita fare qualche pausa per godere appieno della magia e delle spiritualità che il posto emana. Immerso in un bellissimo bosco, infatti, tra una rampa di gradini e l’altra, potrete trovare bellissimi tempietti dedicati alla dea volpe Inari, e soffermarvi ad ammirare il paesaggio di Kyoto dall’alto.

Terminato il percorso del Fushimi Inari, rientrando verso la zona centrale di Kyoto, vi consiglierei un bella passeggiata al Tetsugaku no michiil sentiero della filosofia. Un bellissimo percorso che costeggia il vecchio canale del lago Biwa, e che in primavera regala uno spettacolo mozzafiato. Tutto il percorso è costellato di alberi di ciliegio, che donano al posto un fascino senza età. Continuando la passeggiata lungo il canale, dopo circa mezz’ora, si arriva al bellissimo tempio Ginkaku-ji, il padiglione d’argento. Un oasi di pace e tranquillità, che potrete godervi passeggiando all’interno del bellissimo giardino Zen, curato nei minimi dettagli. Sicuramente uno dei posti da visitare quando si viene a Kyoto.

Il bellissimo tempio Ginkaku-ji, il padiglione d’argento e i suoi giardini
Il bellissimo tempio Ginkaku-ji, il padiglione d’argento e i suoi giardini

Un esperienza che sicuramente vi consiglio di fare, è prendere parte ad una cerimonia tradizionale del Tè. Un arte centenaria affascinante ed estremamente elegante, che vale assolutamente la pena provare di persona. Vi lascio il link per prenotare la vostra esperienza della cerimonia del Tè QUI!

Kyoto: Giorno 3

La foresta di bambù ad Arashiyama
La foresta di bambù ad Arashiyama

Nella terza giornata, vi consiglio una bella gita appena fuori Kyoto. In circa 20 minuti di treno si arriva alla stazione di Arashiyama, una bellissima cittadina incastonata tra le montagne ad ovest di Kyoto ed immersa nella natura. Lo spettacolo quì è davvero mozzafiato, sopratutto in primavera, quando la vegetazione si tinge dei colori pastello dei fiori di ciliegio, o in autunno, quando il rosso e il giallo degli aceri giapponesi fanno da padroni. Uno dei luoghi più famosi e fotografati di Arashiyama, è sicuramente la foresta di bambù. Purtroppo, spesso la presenza di numerosissimi turisti, rovina un pò quella che è l’atmosfera magica del posto. Ma sicuramente vale la pena godersi, con calma, tutte le sensazioni e le emozioni che si provano camminando attraverso a questa fitta foresta di bambù, dove i raggi del sole, faticano quasi a penetrare attraverso.

Scimmietta del parco delle scimmie di Iwatayama
Scimmietta del parco delle scimmie di Iwatayama

Le vie principali della città sono piene di negozietti e ristoranti. Potrete fare una pausa qui, prima di continuare per la prossima tappa.

Nel pomeriggio, se siete amanti degli animali, vi consiglio una visita al parco delle scimmie di Iwatayama. Il parco prende il nome dal monte su cui si trova, ed è facilmente raggiungibile con una passeggiata di circa 30 minuti. All’interno della riserva, vi sono oltre 100 macachi giapponesi che vivono liberamente all’interno della foresta. Arrivati sulla cima, troverete un punto di ristoro, dove sarà possibile dare da mangiare alle scimmie. La cosa bella è che in questa fase, quelli che saranno in “gabbia” saremo noi umani, mentre le scimmie resteranno libere all’esterno della zona recintata e prenderanno le loro amate mele, direttamente dalle nostre mani. Una volta usciti, potremmo restare ad ammirare questi teneri animali, giocare e rilassarsi in totale libertà.

Terminata la visita sul monte delle scimmie, le cose da vedere ad Arashiyama sarebbero ancora molte. Tra le cose principali che vi consiglio di visitare, c’è sicuramente la bellissima Villa Okochi Sanso, immersa all’interno di incantevoli giardini. La villa, che ora è divenuta un museo, comprende vari edifici e una sala da tè. Il biglietto d’entrata costa 1000 Yen ed include una merenda a base di tè matcha e dolcetti tipici.

Pausa a base di Tè Matcha
Pausa a base di Tè Matcha

Le cose da vedere a Kyoto sarebbero davvero ancora molte. La città ha tanto da offrire, e se siete appassionati del Giappone più tradizionale, non potrete fare a meno di innamorarvi di questa città.

Ricordati che viaggiare con un’assicurazione sanitaria è INDISPENSABILE. Qui la puoi acquistare al miglior prezzo!

Leggi anche:

Come muoversi in Giappone: Guida a Japan Rail Pass.

3 Gite da fare in giornata da Tokyo.

8 posti da vedere assolutamente la prima volta a Tokyo.

Quì puoi noleggiare il pratico Pocket WIFI per restare sempre connesso.

Di seguito trovate alcune idee per il vostro viaggio a Kyoto:

Ciao, mi chiamo Sabrina e sono una ragazza italiana di 30 anni inguaribile sognatrice, amante dei viaggi e della cultura asiatica.

4 commenti

  • anna

    Kyoto mi è piaciuta tantissimo e vorrei tornarci per godermela di più. Quando ci sono stata era inverno e nevicava molto per cui non sono riuscita a vedere tutto quello che volevo. Il Kiyomizudera è sicuramente il mio tempio preferito tra quelli visitati 🙂

    • Sabrina Lettiero

      Non ci sono mai stata in inverno, ma anche con la neve deve essere meraviglioso. Kyoto è senza dubbio una delle mie città preferite, se ne hai la possibilità la prossima volta ti consiglio di visitarla in primavera o in autunno. I colori della natura sono spettacolari e da togliere il fiato 🙂

    • Sabrina Lettiero

      Ti capisco perfettamente!Io sarei dovuta partire il 22 marzo…purtroppo la situazione non è delle migliori ma sono sicura che non appena tutto sarà finito potremmo tornare a goderci il Giappone!Non vedo l’ora 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *